Libri e film ambientati a Torino

Torino è casa mia

Da Dario Argento a Natalia Ginzburg, una passeggiata lungo le strade di Torino attraverso libri e film ambientati nella capitale sabauda.

Tra Eurovision e Salone del Libro (tornato, come di consueto, alla sua edizione nel mese di maggio), il 2022 è un grande anno per la città di Torino.

Così, per celebrare la capitale sabauda e andare alla scoperta dei suoi protagonisti, abbiamo dedicato proprio a Torino la nostra ultima Guida Instagram nella quale abbiamo raccolto 10 libri e film ambientati in città.

Al solito, non vi spoileriamo l’intera lista ma vi anticipiamo qualche indizio per accompagnarvi, almeno per un paio di passi, lungo viali e vie del centro.

Natalia Ginzburg, Lessico famigliare

È il 1963 quando Natalia Ginzburg vince il Premio Strega con il suo Lessico famigliare. La storia è quella della sua famiglia, ebraica e antifascista, durante gli anni Trenta e i Cinquanta del Novecento.
A non passare inosservato è l’autoritario padre Giuseppe. Attraverso i vari protagonisti, Natalia Ginzburg disegna una serie di detti familiari e tic incomprensibili ai non-membri e che definiscono il patrimonio affettivo dell’autrice e dei suoi cari.

Sullo sfondo, una Torino silenziosa ma fondamentale. Ancora oggi, nel quartiere di San Salvario, precisamente in via Oddino Morgari, si può trovare la casa in cui visse Natalia Ginzburg. In piazza Carlo Felice, invece, si trova l’Hotel Roma, evocato alla fine del romanzo per ricordare il suicidio di Cesare Pavese.

Giuseppe Culicchia, Torino è casa mia

Nato e cresciuto a Torino, figlio di un barbiere siciliano e di un’operaia torinese, Giuseppe Culicchia ha dedicato alla sua città più di un libro. Tra questi c’è Torino è casa mia, appunto, che si apre con una prefazione che recita così:

«Questa è una guida a Torino. E Torino è Torino. Non è una città come un’altra.
Oltre a essere la mia città, Torino è anche la mia casa. E come ogni casa contiene un ingresso, la stazione di Porta Nuova, una cucina, il mercato di Porta Palazzo, un bagno, il Po, e poi naturalmente il salotto di Piazza San Carlo, e quel terrazzo che è il Parco del Valentino, e il ripostiglio del Balon, e una quantità di altre cose e di altre storie. Aprire questo libro è un po’ come entrare in casa nostra. Mia. Vostra».

In effetti, questo libro dovrebbe essere una guida alla città ma, in realtà, come avrete intuito dalla prefazione, si tratta di una descrizione dai toni narrativi, che ci accompagna come un’amica attraverso le vie della capitale sabauda, con i suoi segreti e le sue chicche.

Bindu de Stoppiani, Guida astrologica per cuori infranti

Nella nostra passeggiata lungo le strade di Torino abbiamo anche un film a farci da cicerone o, meglio, una serie TV firmata Netflix e arrivata alla seconda stagione.

Questa volta, la storia è quella di Alice, assistente di produzione (almeno inizialmente) in una TV torinese. Ogni puntata ha per titolo un segno zodiacale e, snocciolando consigli e curiosità sull’oroscopo, ci porta in giro tra amori (veri o presunti), amicizie, intoppi di lavoro e passioni della protagonista oltre a farci viaggiare tra i luoghi più iconici di Torino, dal Bicerin al Po, da poormager a Docks Dora.

I primi passi lungo le vie di Torino li abbiamo percorsi: per continuare la camminata vi lasciamo alla nostra Guida Instagram 10 libri e film ambientati a Torino e, se aveste consigli per altre passeggiate sulle orme di personaggi letterari e cinematografici, fateceli sapere.

Nel frattempo, buon giro per la città.

Subito per te un buono sconto del 10%,
iscriviti alla newsletter!

ISCRIVITI