hoppípolla LIVE: Fruit Exhibition. Ci siamo stati per la prima volta e siamo certi di volerci tornare

Parte del team ha passato il primo weekend di febbraio a Bologna, alla ricerca di nuovi contatti e ispirazioni: sono stati due giorni di freddo e neve, riscaldati da incontri piacevoli, risate, birrette, pranzi ottimi a base di cucina tradizionale e contemporanea bolognese.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

L’occasione perfetta per tornare in città ci è arrivata da Fruit Exhibition, il festival di editoria indipendente di Bologna, che si è svolto a Palazzo Re Enzo (praticamente in piazza Maggiore) dal 2 al 4 febbraio 2018: per due giorni abbiamo avuto a disposizione un’intera sala in cui fare ricerca e non solo. Si va dai collettivi di giovani illustratori a case editrici europee, da progetti di grafica a esercizi intorno alla tipografia.

Per noi la trasferta a Fruit ha prima di tutto significato consocere di persona gli organizzatori di questo fantastico festival, del quale condividiamo i valori e l’approccio: per questo eravamo tra i partner e abbiamo contribuito a diffondere l’evento attraverso le nostre box di gennaio.

La cosa più ovvia per noi, dato che si tratta di un evento dedicato all’editoria indipendente? Beh, non sempre si ha la fortuna di fare incontri che possono portare a una collaborazione, ma la qualità degli espositori di Fruit era davvero ottima per i nostri gusti! Non possiamo anticipare nulla, ovviamente, ma speriamo di proporre presto qualcuno dei progetti scoperti a Bologna!

La grande sala di Palazzo Re Enzo ospitava anche alcuni amici, come Marco di Bolo Paper, che ha collaborato alla box di settembre con le sue pubblicazioni, ma è anche stato più volte un aiuto prezioso nelle vesti di stampatore di Tipografia Reali. Anche il suo vicino di banchetto, Salvatore di  Lök Zine, era una vecchia conoscenza: un numero della rivista era stato incluso nella box dello scorso aprile! E poi, anche se non era tra gli espositori quest’anno causa tesi, a Bologna abbiamo finalmente abbracciato Martina Tonello dal vivo, dopo tanti mesi di chiacchierate digitali e due prodotti – la toppa e il tatuaggio temporaneo – che hanno fatto faville!

[foto Sara Casna, courtesy Fruit Exhibition]