Marfa Myths: come nasce un festival tra cactus e luci al neon

Qualche mese fa ho conosciuto Marfa, Texas.

Non conta neanche 2000 anime e per almeno tre ore non c’è alcuna traccia di una qualche città conosciuta, è silenziosamente immersa nel deserto di Chihuahua, nel profondo Texas Occidentale, tra le David Mountains e il Big Bend National Park.

Questo è l’habitat naturale di Marfa Myths, un festival annuale di musica, arte e molteplici attività culturali che unisce e amalgama, dal 2014, le sue due anime fondatrici: l’associazione no profit Ballroom Marfa e l’etichetta musicale di Brooklyn, Mexican Summer

Qualcuno l’ha definito una specie di Coachella ma per chi vuole veramente ascoltare musica e immergersi a pieno nell’anima dei festival, senza filtri.

Un’anima a prima vista un po’ new age e anche un po’ esoterica, per via di quelle, ormai note, “Luci Fantasma di Marfa” che sono dei fenomeni luminosi spesso osservati nelle vicinanze della US Route 67 a est della città e che nel corso degli anni sono state classificate come fenomeni paranormali.
Ovviamente, studi scientifici hanno dimostrato di poterli definire come riflessi di luci abbaglianti o fuochi di accampamenti, ma Marfa conserva ancora oggi la sua allure di mistero.

Credits Alex Marks

Credits Josey Reb

Per qualche giorno nel mese di Aprile si respira la spensieratezza di un’estate senza fine, tra neon rosa e altissimi cactus, un abbraccio che avvolge proprio tutti e la magia è reale, la puoi davvero toccare.

Gli artisti sono principalmente del posto ed è veramente sentito il rapporto intimo con la natura, il territorio e le tradizioni locali che hanno dato vita a questa parte nascosta e selvaggia di mondo.
Per questo, chi meglio dei luoghi possono accorciare le distanze e regalare un po’ di qui e ora a chi è lontano?

Il Festival ha così deciso di raccogliere qui alcuni angoli speciali che sembrano anche loro “in attesa” della prossima edizione e ci permettono di ascoltare il suono del vento, il chiacchiericcio dei bar di provincia e quasi quasi di sentire sulla pelle il calore del tramonto.

Per quest’anno Marfa Myths ha scelto di prendersi una pausa, ma c’è un recap di tutto quello che ci siamo persi nel 2019.

Qui e qui invece per sbirciare altre foto.

Subito per te un buono sconto del 15% più un regalo speciale, iscriviti alla newsletter!

ISCRIVITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *